FINANZIAMENTI

 

 FINALMENTE BUONE NOTIZIE

Ci sono buone notizie per chi fino ad oggi ha sofferto degli aumenti dell’Euribor.

Le notizie sono buone anche per chi decide di rivolgersi al credito, viste le nuove condizioni.

 

CARO-MUTUI/L’EURIBOR A TRE MESI CALA AL 5%

In calo gli interessi sui mutui. L’Euribor a tre mesi, il tasso interbancario di riferimento per la maggior parte dei prestiti sull’acquisto della casa, è stato fissato oggi al 5%, il livello più basso dell’ultimo mese (18 settembre), in calo – per la sesta seduta consecutiva – dal 5,045% di venerdì scorso e dal 5,393%, top segnato l’8 ottobre, il giovedì precedente il vertice europeo in cui i capi di stato e di governo dell’Ue hanno preso per le corna il toro della crisi. L’Euribor (Euro interbank offered rate) viene calcolato una volta al giorno dall’associazione delle banche europee.

In rientro anche le tensioni sulle altre scadenze: l’Euribor a sei mesi è stato fissato a 5,063% (5,117%), quello a un mese a 4,685% (4,731%). I tassi di mercato sui prestiti a una settimana sono scesi per la prima volta da molti giorni sotto il 4 per cento, attestandosi al 3,974% dal 4,015% di venerdì. La discesa dei tassi interbancari, ovvero quelli ai quali le banche si prestano denaro, è ovviamente influenzata dalla certezza che la Banca centrale europea garantirà ancora a lungo la circolazione della liquidità in un sistema del credito tuttora fortemente condizionato dagli shock a catena innescati dal fallimento di Lehman Brothers, il 15 settembre scorso.

Tuttavia c’è una resistenza – per l’Euribor a tre mesi – a non andare sotto il 5%, limite minimo da infrangere secondo il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, e comunque ancora ben lontano dal Refi, il tasso di riferimento dell’Eurozona, fissato dall’Eurotower al 3,75 per cento. Segno che le tensioni sono tutt’altro che svanite anche se c’è chi scommette su ulteriori taglio del costo del denaro da parte della Bce e su una discesa dell’Euribor – con relativo sollievo per chi ha un mutuo a tasso variabile – ben più consistente nel corso del 2009.

 

Fonte:affaritaliani.it

FINANZIAMENTIultima modifica: 2008-10-27T11:55:58+01:00da moreno169
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento